Nodar Kumaritashvili

Luger / Olympian Data di nascita: 25 novembre 1988 Data di morte: 12 febbraio 2010 incidente di slittino Luogo di nascita: Bakuriani, allora parte dell'Unione Sovietica Meglio conosciuto come: Il luger ucciso alle Olimpiadi invernali del 2010 a Vancouver Nodar Kumaritashvili è il luger dal paese della Georgia che è stato ucciso durante una corsa di pratica poco prima dell'apertura delle Olimpiadi invernali del 2010. Kumaritashvili è morto il 12 febbraio 2010, mentre stava facendo il suo secondo allenamento della giornata sulla pista di Whistler Sliding Center. Kumaritashvili è uscito dalla traiettoria alla quindicesima curva della pista e poi è caduto all'uscita della sedicesima, poco prima del traguardo. È volato fuori pista e direttamente in una trave di supporto non imbottita. È stato dichiarato morto in un vicino centro traumatologico. Quella notte si tennero le cerimonie di apertura dei Giochi; Gli altri atleti della Georgia hanno marciato alla cerimonia con bracciali neri. La pista era già conosciuta come la più veloce del mondo e alcuni atleti avevano avvertito che velocità di quasi 100 miglia orarie sarebbero state pericolose. Tuttavia, poche ore dopo la morte di Kumaritashvili, i funzionari olimpici lo hanno definito un 'incidente estremamente eccezionale' e la competizione di slittino è andata avanti come previsto alle Olimpiadi. Credito extra:

Nodar Kumaritashvili è stato uno degli otto atleti della Georgia alle Olimpiadi; il resto della squadra comprendeva un altro slittino, tre sciatori alpini e tre pattinatori? Nodar Kumaritashvili aveva 5?10 anni? alto e pesava 176 libbre, secondo il suo profilo sul sito ufficiale dei Giochi Olimpici.